Intervista ad Alessandro Sole

~ giovedì 8 ottobre 2009
Ed eccoci alla terza intervista!!!
Gli accessi al blog restano sorprendenti e di questo vi ringrazio calorosamente.

Prima di iniziare con la nuova intervista ricordo il link per l'iscrizione al feed che permette di essere aggiornati sulle pubblicazioni dei nuovi post del blog.

Con lo stesso entusiasmo iniziamo, quindi, l'intervista fatta ad Alessandro Sole, un appassionato fotografo che si diletta soprattutto in foto naturalistiche e sportive come potete vedere nelle seguenti foto e nel suo photostream.

Maria Sharapova by Alessandro Sole, on Flickr
Maria Sharapova

the fcontacts group icon Ciao Alessandro! Puoi raccontarci quando e come nasce la tua passione per la fotografia?
Alessandro Sole Qualche anno fa, quando un amico vendeva la D70. Avendo sempre desiderato una reflex "decente", ho fatto il grande passo. In un primo momento pensavo di aver commesso una fesseria: tutti quei bottoni, un libro di istruzioni di centinaia di pagine e quel giocattolo fantastico che pensavo si sarebbe rotto in mille pezzi se solo non avessi premuto il pulsante giusto. Dopo la prima uscita mi sono chiesto come mai avevo aspettato tanto :) e da quella volta, ogni volta che le situazioni me lo consentono, porto la macchina con me.
Unititled 1 by Alessandro Sole, on Flickr
Unititled 1

the fcontacts group icon Hai ancora la tua D70?
Alessandro Sole Sì, certo! Ora però alla fedelissima D70 ho aggiunto una Nikon D300. Come obiettivi ho il 12-24mm Tokina, il 50mm Nikkor, un 55mm Mamiya manuale, il 18-70 Nikkor, un 70-210 Nikkor ed infine un 300mm Nikkor. Ho acquistato anche dei tubi estensione kenko, un moltiplicatore 1.4X Kenko, ed un altro 1.7X Nikkor. Poi alcuni altri accessori indispensabili come un soffietto manuale, diversi cavalletti Manfrotto (055 X-PROB, 715, ed un monopiede), filtri e polarizzatori vari.

Sardegna by Alessandro Sole, on Flickr

Sardegna

the fcontacts group icon Quale genere di fotografia ti appassiona di più?
Alessandro Sole Non credo di essere particolarmente bravo in un tipo di fotografia, in realtà mi piace un po' di tutto :)
Ma se proprio devo scegliere la fotografia paesaggistica è quella che allo stesso tempo mi appaga e mi delude di più :).
Adoro i paesaggi di montagna e se sono colorati del rosso del tramonto è ancora meglio! Purtroppo è un tipo di fotografia che richiede un buon tempismo per avere la luce giusta, trovarti al posto giusto e anche tanta fortuna. :)
Una volta sono partito da Roma per fotografare il tramonto dal Monte Argentario, la sera prima il tramonto era stato di un rosso intenso e la giornata era fantastica, con pochissime nuvole. Quasi 4 ore di macchina tra andata e ritorno e ho fotografato solo un bel paesaggio ma con il sole coperto dalle nuvole... Capita :)

the fcontacts group icon Puoi raccontarci come hai realizzato la foto "Maria Sharapova"
Alessandro Sole Quella sera ho scattato più di 400 foto, ma l'intenzione era di catturare un momento particolare e cioè quello dell'istante in cui la palla veniva colpita.
Non avevo un cavalletto con me perché non sapevo se potevo portarlo dentro e quindi scattavo seduto con il gomito poggiato sul ginocchio, dopo 5 minuti avevo le spalle e la schiena indolenziti!
Era la prima volta che portavo la macchina fotografica a una partita di tennis. Ero sulle tribune e il posto a sedere era abbastanza in alto. Non sapendo dove mi sarei trovato avevo portato un 50mm, il 18-70 e il 70-210. Non sapevo cosa avrei usato ma speravo tanto di usare il 50mm che è di sicuro la lente più nitida che ho. Però era troppo corto e ho dovuto usare il 70-210 ma dato che era sera e c'era poca luce le difficoltà sono state tante.
Avevo con me la D70 che in condizioni di poca luce non si comporta molto bene ed in più ho dovuto aumentare gli ISO fino a 400 e forse qualche scatto anche oltre. Per gli eventi sportivi imposto il programma con priorità di diaframmi con massima apertura per poi gestire l'esposizione modificando il tempo di scatto.
Il tempo di scatto era di 1/400 e le foto venivano comunque molto scure ma di meglio non si poteva fare!
Scatto sempre in RAW perché consente una completa lavorazione in post-produzione, ad esempio puoi recuperare fino a 3 o 4 stop di luce da una foto.

the fcontacts group icon A proposito di post-produzione, quali accorgimenti hai utilizzato in questa foto?
Alessandro Sole La foto era molto scura così con le curve e i livelli di Photoshop ho dovuto far tornare luce e colore. Quando spingi molto su questi parametri aumenta inevitabilmente il rumore così ho dovuto applicare una forte maschera di noise reduction, con conseguente perdita di dettaglio fine. La maschera di contrasto è stata applicata selettivamente solo in alcune zone della foto, alcuni particolari ho preferito lasciarli con del rumore in più ma maggiore dettaglio.
Il risultato, in termini di qualità, non è dei migliori ma la posa mi piaceva e sono contento di averla recuperata.
Untitled 2 by Alessandro Sole, on Flickr
Untitled 2

the fcontacts group icon Qual è il tuo consueto flusso lavorativo?
Alessandro Sole Per lavorare le foto generalmente uso Nikon Capture NX che mi permette di gestire molto velocemente le curve e la saturazione, ma se serve un lavoro più accurato uso Photoshop.

Il flusso è più o meno sempre lo stesso:
  • gestione delle curve per contrasto e un po' di luminosità
  • gestione della saturazione dei colori e sharpening
  • shadows & highlight
  • per eliminare difetti o particolari non desiderati in qualche caso, ho usato anche color replace e clonazione
the fcontacts group icon Ricorri mai a modifiche più invadenti sulle tue foto?
Alessandro Sole In passato ho fatto qualche esperimento :), ma ultimamente sono orientato a presentare una foto che sia abbastanza fedele al soggetto reale.
Le parti clonate le ho utilizzate raramente. Una volta su un paesaggio ho letteralmente fatto sparire un gruppo di persone e un camper, altre volte dei mozziconi di sigaretta.. ma mai per modificare il soggetto in sè.
Credo che l'utilizzo di tecniche più invadenti dipenda comunque dal tipo di fotografia.
Se si parla di fotografia paesaggistica o naturalistica in generale, preferisco che non ci siano troppe modifiche sulla foto, se non per migliorarne il contrasto o la luminosità, ma su altri tipi di fotografia il discorso cambia.

Nandù occhi blu by Alessandro Sole, on Flickr

Nandù occhi blu

the fcontacts group icon Fra le fotografie presenti sul tuo photostream quali sono, nell'ordine, le tue preferite?
Alessandro Sole La mia preferita è sicuramente "Nandù occhi blu", scattata al bioparco, il soggetto è un Nandù, il taglio del becco non mi piace eppure è la mia preferita, così nitida e ricca di dettagli.
Poi tutte le altre che ti ho inviato (ndr: quelle che appaiono in questa intervista) che sono le tipiche foto che adoro scattare!

the fcontacts group icon Hai qualche trucco, un suggerimento od una regola che ami seguire e che vuoi condividere con i lettori di fcontacts?
Alessandro Sole Niente trucchi né regole, neanche nella composizione!
Sono stato criticato per non aver rispettato la regola dei terzi in alcune fotografie. Io penso che non devono esserci limiti o vincoli nelle nostre foto, anche se a volte possono non piacere!

the fcontacts group icon Puoi indicarci, fra i tuoi contatti Flickr, i tuoi tre preferiti?
Alessandro Sole

Ringraziando Alessandro Sole per la sua disponibilità, vi ricordo gli indirizzi per visitare il suo account Flickr:
Tutte le foto apparse su fcontacts sono raccolte nel gruppo Flickr al seguente indirizzo:



4 commenti:

Alessio ha detto...

Grandissimo Alessandro!!! Grazie per aver condiviso alcuni dettagli della tua esperienza fotografica. Che le tue foto siano eccezionali non c'è bisogno che te lo diciamo noi. Della tua attrezzatura non ho capito cosa sia un "soffietto manuale". Il racconto della realizzazione della foto a "Maria Sharapova" è stato interessante (sembrava di essere lì con te). Senza nulla togliere alle altre la mia preferita è proprio quella a Maria: è una snapshot carica di potenza e azione (me la metterò tra i miei preferiti di flickr)!
Ancora complimenti!!!

Alessandro Sole ha detto...

Ciao Alessio, grazie per il commento :) Il soffietto è un apparecchio che viene messo tra il corpo macchina e l'obiettivo e serve per aumentare il rapporto di ingrandimento, a seconda di quanto lo estendi, e serve per fotografare soggetti molto piccoli a distanza ravvicinata.

Qui puoi vederne uno identico al mio.
http://macrophasma.altervista.org/macro/attrezzatura.htm

Alex.

Alessandro Sole ha detto...

Mi hanno giustamente fatto notare che i soffietti sono solo manuali e che non ne esistono di meccanici :)

Quello che volevo dire è che al contrario dei tubi estensori e dei moltiplicatori di focale, che hanno i contatti per far comunicare la macchina con l'obiettivo, il soffietto che ho io non li ha. :(

Questo si traduce nell'impossibilità di usare l'esposimetro della macchina fotografica e anche il motore interno dell' ob.

Iole ha detto...

Finalmente un fotografo che conosco non solo attraverso il suo photostream ma anche di persona :)
Alessandro le tue foto sono veramente belle! Le mie preferite sono quelle paesaggistiche e naturalistiche.
Leggendo la tua intervista, mi sono tornati in mente i "racconti" che facevi in ufficio sulle foto che scattavi durante il weekend, quelle del viaggio in Sargegna, degli incontri di tennis; ricordo quando portavi in ufficio la fotocamera per scattare qualche foto all'uscita la sera sulla strada per casa; ricordo anche quando hai acquistato la tua reflex "decente".

Beh che dire? Complimenti e aspetto qualche tua nuova foto!

Posta un commento